Nuova illuminazione per la Basilica di San Francesco. Comunicato stampa

Posted on 21 settembre 2015 in Press — Share this via

Inaugurazione-basilica-CS

Il progetto di illuminazione per la Basilica Superiore di San Francesco d’Assisi è stato elaborato dal lighting designer Marco Frascarolo – fondatore e responsabile scientifico dello studio FABERtechnica – con il supporto di un team di giovani architetti e lighting designers, formatisi nei corsi specialistici di Architettura RomaTre e del Master in Lighting design della Sapienza.

La fase di studio è stata sviluppata con l’obiettivo di valutare le criticità dell’impianto di illuminazione esistente e procedere alla definizione di soluzioni progettuali migliorative, nel rispetto dei vincoli architettonici e conservativi, in fortissima sinergia con il Padre Custode, Fra Mauro Gambetti ed il Conservatore del Sacro Convento, Sergio Fusetti. Da qui, la fase di progetto, coadiuvata da numerose simulazioni su modelli 3D e  prove in situ, ha portato al risultato finale: altissima qualità cromatica e livelli di uniformità della luce sugli affreschi, calibrati in modo da garantire livelli di uniformita’ ed effetti chiaroscurali ottimali sia per la lettura dei dettagli pittorici che la percezione dello spazio architettonico.

Inaugurazione basilica plan-small

Diversi scenari consentono di avere l’atmosfera giusta per ogni uso previsto dello spazio e di abbattere i consumi in presenza di luce naturale, per un risultato atteso di risparmio energetico superiore al 75% su base annnuale.

Particolare attenzione è stata data al contenimento dell’impatto visivo degli apparecchi, grazie alla collaborazione con Federico Ognibene, CEO di ILM Lighting che si è occupato della  ingegnerizzazione dei lampadari, che hanno mantenuto la posizione e la dimensione dei lampadari esistenti, su richiesta del Sacro Convento. Ulteriori sistemi a bassa potenza, non previsti nell’impianto esistente, sono stati introdotti per sottolineare alcune volumetrie e dettagli architettonici.

Le tecnologie impiegate sono Osram, per quanto riguarda gli apparecchi di illuminazione, Helvar per il sistema di regolazione, CEAL per l’impiantistica elettrica, su progetto di adeguamento degli impianti di alimentazione di Gianni Drisaldi.

FABERtechnica nasce da un’idea di Marco Frascarolo nel 2001, con l’obiettivo di riunire diverse professionalità accomunate dalla passione per la luce e lavorare in maniera integrata a livello di progettazione, ricerca, sperimentazione, formazione e divulgazione della cultura del progetto in ambito illuminotecnico. Gli ambiti di intervento spaziano dalle applicazioni tecniche, dove la verifica dei parametri dettati dalle Normative e dalle esigenze di risparmio energetico costituiscono la priorità, alle applicazioni dove la valorizzazione e la conservazione degli oggetti illuminati diventa prioritaria, alle applicazioni dove la luce è strumento espressivo e di comunicazione. La scala di progetto spazia dal dettaglio dell’apparecchio di illuminazione, fino all’intervento di  pianificazione della luce a livello territoriale.

FABERtechnica per la Basilica di S. Francesco di Assisi è: Marco Frascarolo (Coordinamento), Ilaria Bandini, Andrea Benedetto, Salvo Bucchieri, Stella Cardella, Roberta D’Onofrio, Sara Forlani, Elisa Forlini, Momoko Nakahara.

Principali progetti di illuminazione FABERtechnica nel settore dei Beni Culturali: Tra i più importanti lavori si annovera il progetto  per il nuovo impianto di illuminazione led della Cappella Sistina all’interno del consorzio LED4ART,  ed il coordinamento di Marco Frascarolo del gruppo di lavoro del Master in Lighting Design Università “La Sapienza”, per la stesura delle linee guida del nuovo impianto di illuminazione per il Colosseo (2015). Tra gli altri principali progetti: Villa Balbiano ad Ossuccio, Como (in corso). Villa Clara a Roma (in corso). Cappella Santa Martae in Vaticano (2011). Saloni di Palazzo Taverna a Roma (2008). Spazi espositivi del Complesso del Vittoriano (Roma, 2006). Basilica di S. Croce in Gerusalemme (Roma, 2003). Ninfeo monumentale di Villa Aldobrandini (Frascati). Esposizioni temporanee presso le Scuderie del Quirinale, Complesso del Vittoriano, Museo dell’Ara Pacis (Roma), Palazzo delle Arti di Napoli, Centre Pompidou (Parigi) (dal 2001).