Teatro Margherita – Bari 2018

Teatro Margherita

Teatro Margherita

Teatro Margherita

TeatroMargherita_ABDR

Teatro Margherita

Teatro Margherita

 

Il progetto illuminotecnico è stato sviluppato con l’obiettivo di creare ambientazioni teatrali ed espositive allo stesso tempo esaltando le caratteristiche spaziali ed architettoniche del luogo; Gli spazi per lo spettacolo saranno valorizzati attraverso l’impiego di diversi sistemi compatibili ed intercambiabili tra loro. L’intercambiabilità tra spazi espositivi e spazi performativi è garantita nella Torre scenica e nella Sala dall’installazione  di due americane circolari che grazie ad un sistema di argani possono variare la loro altezza.

Nel caso della torre scenica, l’americana circolare è predisposta per l’alloggiamento di proiettori scenici mentre  nel  caso della Sala, l’americana, oltre ad ospitare gli apparecchi per lo spettacolo, acquista ulteriore valore sia estetico che funzionale grazie alla sovrapposizione di due ulteriori sistemi: l’illuminazione dall’interno di un guscio in tessuto traslucido e l’installazione su tutto il perimetro esterno dell’americana circolare di proiettori regolabili e ad alta efficienza luminosa.

Anche per l’illuminazione generale del Foyer è stato pensato un sistema a sospensione, in questo caso si tratta di una rete di profili in alluminio leggeri che sovrapponendosi formano un ottagono che rispetta la permeabilità visiva verso il centro della copertura.

Sulla rete di profili in allumino sono installate delle Strip Led rigide in  due diverse posizioni per ottenere l’illuminazione sia diretta che indiretta.

Luogo: Ossuccio, Lago di Como
Fine Lavori : 2018
Architetto: CPA Arch – Carlota Proenca de Almeida
Landscape Designer: Colson Stone Practice
Cliente: Privato
Tipologia: Outdoor
Photo Credits: The Heritage Collection e FABERtechnica
FABERtechnica per il Parco di Villa Balbiano è:
Responsabile di Progetto e Coordinatore Scientifico: Marco Frascarolo
Coordinatore operativo: Stella Cardella
Collaboratori: Maria Pia Cosentino, Elisa Forlini